Pretty Psycho Things

Psyclothing

Il malessere nella Moda

psicologia_della_moda

Sentirsi a disagio con un abito o mettere a rischio la propria salute non dovrebbe essere considerato una “moda”. Il clamore riguardo all’abito corsetto di Schiaparelli indossato da Dua Lipa ai Golden Globes, che non le permetteva di sedersi correttamente o di stare comoda durante la cerimonia, o quello di Versace indossato da Anne Hathaway durante l’ultima fashion week, mi ha fatto riflettere sul lato oscuro della moda, che dall’epoca vittoriana ancora non cenna ad andarsene.

CORSETTI E ARSENICO

In passato le donne indossavano il corsetto per l’intera giornata al fine di modellare la loro figura. Gli effetti di questa pratica giornaliera potevano essere mortali, in quanto il corpetto premeva il fegato contro le costole e spingeva verso il basso l’intestino, danneggiando anche gli altri organi.Inoltre impediva ai polmoni di ricevere sufficiente ossigeno, predisponendo le donne a contrarre malattie respiratorie.

CI sono stati addirittura casi di donne con costole rotte a causa del corsetto vittoriano.

Un’altra delle “mode” più letali è stata quella dell’arsenico. C’era l’idea che avere la pelle pallida e trasparente fosse sinonimo di aristocrazia, a differenza di una carnagione più scura o abbronzata, che rivelava l’appartenenza a una classe lavoratrice costretta a lavorare all’aperto per guadagnarsi da vivere. La soluzione per indossare questa tendenza fu l’arsenico. La credenza diffusa era che questo metalloide, estremamente tossico e cancerogeno, rendesse la pelle più luminosa e bianca. Così molte donne cominciarono ad utilizzarlo in lozioni e saponi, senza sapere che questa pratica di skincare le stava uccidendo lentamente

psicologia_della_moda_anastasia_giangrande

TAGLIA ZERO E VITA BASSA

Ancora oggi la moda impone trend che fanno male al corpo e alla mente. Moda per il malessere, non per il benessere. Oltre ai diktat limitanti continuamente comunicati, ci sono mode che destrutturano il corpo e provocano disturbi mentali come dismorfismo corporeo e possono condurre allo sviluppo di DCA

Una di queste è la low whist, la vita bassa. Pantaloni e gonne a vita bassa sono progettati per sedare più in basso sui fianchi piuttosto che alla vita. Usarla di frequente abbassa la linea dei fianchi; a lungo andare può segnare una linea marcata tra fianchi e coscia creandoo un effetto fianchi a palloncino. Altera così la conformazione corporea e la percezione che abbiamo del nostro fisico.

psicologia_della_moda_anastasia_giangrande

Ha effetti sulla postura e può causare una condizione descritta sul Canadian Medical Association Journal definita meralgia parestetica, caratterizzata da intorpidimento o formicolio alle cosce pizzicando un nervo situato nell’area. Se non trattato l’intorpidimento può diventare permanente

Per potersi “permettere” di indossare la vita bassa (avere ventre piatto e fianchi asciutti) molte persone si costringono a regimi alimentari estremi fino allo sviluppo di dismorfismo e dca.

I brand più potenti, come Miu Miu, hanno una responsabilità nel veicolare le mode e dovrebbero usare nelle loro collezioni capi studiati per aumentare il benessere delle persone non per danneggiarle. 

A prescindere dai trend, ricordati sempre di usare la moda per il tuo benessere, per vederti, capirti e valorizzarti. E per lanciare un enorme dito medio a questi capitalisti con l’aureola.

SEGUIMI SUL MIO CANALE

Articoli correlati
Sexpills

Insoddisfazione corporea: tra disforia di genere e  disturbi alimentari

Histories

Gianni Versace e la Sua Odissea Creativa

Editoriali

Social fashion life: I tempi che non corrono

Histories

Yves Saint Laurent: i Pantaloni della Libertà

    Iscriviti alla newsletter!
    Non ti preoccupare, neanche a noi piace lo spam!

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *